Biografia | Discografia | Live & News | Multimedia | Link | Contatti

 

  

 
  << Back | Live&News
 
Preludio ad una nuova alba su FuoriDalMucchio

La recensione del disco di Marcello Capra
 
 

Lieti di annunciare la recensione di Preludio ad una nuova alba su FuoriDalMucchio di dicembre 2010 a cura di Loris Furlan

http://www.ilmucchio.it/fdm_content.php?sez=scelte&id=1624&id_riv=82

Una chitarra acustica come un pennello, agile e talentuoso, a dipingere lontani angoli di mondo, profumi di culture diverse, in un vivace gioco di danze e colori. È quella di Marcello Capra, storico musicista torinese (un passato prog Seventies con i Procession e altri sette dischi solisti alle spalle), soprattutto il suo brillante e versatile stile flatpicking sul confine tra il bluegrass americano, frontiere new age e tanto Mediterraneo, ma poi aperto e curioso nello sconfinare ovunque ci sia da soffermarsi a raccogliere immagini ed ispirazione.  Un’Ovation Legend come fedele compagna di viaggio,  e via in un tumulto di sapienti note cristalline che si rincorrono a perdifiato, tra danze “verdi”, “turchesi”, “russe”. Talvolta si acquietano,  in un susseguirsi di suggestioni e scenari fascinosi , tra “Corsari” immaginari e orizzonti di mare (“Bassa marea”, “Canto di mare”). Quando ci si cimenta in un disco con quindici brani di sola chitarra c’è sempre il rischio di finire imbrigliati fra le corde di Narciso, prigionieri della lusinga del virtuosismo, ma Marcello Capra ha troppo estro, cuore e fantasia, coniugati ad esperienza ed equilibrio compositivo, per lasciarsi sopraffare dall’autocompiacimento.  Gli umori folk, il calore e la poesia prevalgono ovunque nel “Preludio ad una nuova alba”, anche quando l’autore imbraccia una Gibson Les Paul Deluxe (“Tracce Mediterranee”, “Aura”): le dita scorrono veloci e sicure, mai invano, accompagnate infine dalla brezza di un canto, sempre in simbiosi emozionale ed immaginifica.

 
 
  << Back | Live&News
 


 

 

 
 

2009 Marcello Capra | Home |